Ammissione

Modalità e criteri di selezione

La selezione dei candidati alla partecipazione al corso di Dottorato in Scienze Veterinarie avviene attraverso un concorso di ammissione articolato nelle seguenti fasi:

  • iscrizione online;
  • pagamento della tassa concorsuale;
  • caricamento, tramite upload, del proprio curriculum.

Il concorso si basa sulla valutazione del CV del candidato, di una prova scritta e di un colloquio integrativo.

Valutazione curriculum

Il curriculum deve essere caricato esclusivamente tramite upload, in fase d’iscrizione online al concorso, deve riguardare il percorso formativo universitario e non, le esperienze professionali e di ricerca; si consiglia di trasmettere ogni documento si ritenga utile ai fini della discussione del curriculum stesso.

Prova Scritta

La prova scritta verterà su un elaborato o la presentazione di un progetto di ricerca che sarà illustrato anche in sede di colloquio. Il tempo previsto per la prova è di 2 ore.

Colloquio

Il colloquio verterà, oltre che sulla verifica delle conoscenze, anche sulla discussione del curriculum, sulla verifica dell’attitudine alla ricerca, sull’apertura a svolgere esperienze all’estero e sui propri interessi all’approfondimento scientifico. Nel colloquio il candidato dovrà dimostrare buone capacità di utilizzare la lingua inglese parlata e scritta.

Requisiti di ammissione

Il candidato deve essere in possesso di laurea vecchio ordinamento o specialistica/magistrale oppure analogo titolo straniero idoneo. L'idoneità del titolo estero viene accertata dalla commissione esaminatrice o dal Collegio dei docenti del corso. Il titolo richiesto per l'accesso al corso deve essere conseguito entro il 31 ottobre precedente all'inizio del corso. Il dottorando ammesso in "soprannumero" deve conseguire il titolo di studio entro la data di immatricolazione. 

Modalità di ammissione

Si può accedere al dottorato di ricerca:

  1. attraverso l'iscrizione online al concorso il cui bando, di norma, viene pubblicato nel mese di luglio;
  2. in qualità di soprannumerario ai sensi dell'articolo 10regolamento di ateneo sul Dottorato di ricerca. 

Per entrambe le procedure, è importante ricordarsi che il titolo straniero deve essere tradotto e legalizzato da parte della Rappresentanza italiana e accompagnato dalla "dichiarazione di valore".
L'idoneità del titolo estero viene accertata dalla commissione esaminatrice o dal Collegio dei docenti del corso.

Un candidato può essere ammesso, in ogni momento, a un Corso di dottorato dell'Università di Pisa nella categoria dei "Soprannumerari" se:

  • titolare di borse o analoghe forme di finanziamento nell'ambito di progetti promossi dall'Unione Europea e/o da altri organismi europei e internazionali, previo consenso del collegio dei docenti che verifica la congruità del tema di ricerca con le tematiche scientifiche-disciplinari del corso e valuta l'idoneità del borsista ai fini dell'ammissione;

oppure

  • cittadino extracomunitario non soggiornante in Italia, che manifesti interesse a iscriversi, su parere favorevole del collegio dei docenti, che dovrà verificare l'adeguato livello di preparazione scientifica, l'esperienza di studio e professionale pregressa e il livello di interesse all'ambito disciplinare di riferimento del corso. La verifica potrà essere effettuata su curriculum e/o tramite colloquio anche in videoconferenza. Il candidato ammesso al corso dovrà dimostrare di avere, al momento dell'inizio del corso di dottorato, una forma di sostegno economico dal paese di provenienza, finalizzata allo svolgimento dell'attività di ricerca che andrà a svolgere in qualità di dottorando.

Documenti e Info

Per informazioni e documenti relativi al bando di concorso si rimanda alla seguente pagina: http://dottorato.unipi.it/index.php/it/