Museo Anatomico Veterinario

cavallotestalaterale

 Museo Anatomico Veterinario, fa parte del:

 

 

 


La Storia e le Collezioni

Il Museo Anatomico Veterinario fa parte del Sistema Museale di Ateneo (SMA). Si è formato nel tempo con il preciso intendimento di documentare le particolarità anatomiche proprie di quelle specie di animali domestici allevate per scopi economici. È nato con l’insegnamento della disciplina anatomica a Pisa, ne ha condiviso le vicissitudini storiche ed ha risentito delle varie innovazioni tecniche che si sono succedute nell’uso dei materiali di conservazione museale e nell’impiego di mezzi didattici. Nonostante che già nel XVIII secolo a Pisa avessero operato per lungo tempo due cultori dell’ippologia e autori sull’argomento di trattati noti nell’Europa dell’epoca (Nicolò Rosselmini, patrizio pisano, Sovrintendente Generale delle Razze e delle Scuderie Imperiali del Granducato, ed il Barone D’Eisemberg, nobile di origine tedesca, Direttore delle Scuderie Imperiali e Primo Cavallerizzo dell’Accademia di Pisa), il primo insegnamento ufficiale di arte veterinaria inizia nel 1818 ed è tenuto da Vincenzo Mazza in forma privata. Questi, già Veterinario della Grande Armata Napoleonica, si era diplomato in Veterinaria alla scuola di Milano e, alla caduta dell’imperatore, al seguito del Principe di Canosa giunge a Pisa, dove assume la carica di Veterinario della Comunità Pisana, si laurea in Medicina e apre una propria scuola di Veterinaria in Via La Tinta, nel quartiere di San Martino. Per le dimostrazioni pratiche ed anatomiche il Mazza si avvale anche dei cavalli del presidio militare della Cittadella e coinvolge docenti dell’ateneo pisano quali Gaetano Savi per l’insegnamento della botanica. Nel 1821, sempre al seguito del Principe di Canosa, il Mazza si trasferisce a Napoli e l’insegnamento pisano si spenge. Nel 1839 Melchiorre Tonelli da Fivizzano riceve dal Riordinatore Generale degli Studi del Granducato, Gaetano Giorgini, l’incarico di una cattedra di Zooiatria aggregata alla Facoltà di Medicina e Chirurgia dell’Università di Pisa. Il radicamento definitivo dello studio della Medicina Veterinaria si ha nel 1859 con Cosimo Ridolfi, Ministro della Pubblica Istruzione del Governo provvisorio della Toscana: da questo momento l’insegnamento veterinario si consolida e si espande rapidamente. Nel 1874 il Museo trova ospitalità in un terreno attiguo agli Spedali Riuniti di Santa Chiara, nelle vicinanze dei Macelli Pubblici e del deposito Stalloni. Nasce in questo modo la Regia Scuola Superiore di Medicina Veterinaria alle dipendenze dell’Università (1875). Nel Gabinetto di Anatomia, denominato poi Istituto di Anatomia Generale e Descrittiva dei Vertebrati Domestici, è riservato lo spazio per il Museo Anatomico. Qui sono accolti i preparati anatomici ereditati dai periodi precedenti e risalenti all’insegnamento del Mazza, cui si aggiungono quelli del professor Luigi Lombardini e dei suoi allievi, Chiappa, Antonini, Stampani e Bossi. Virginio Bossi, preparatore anatomico esperto ed interessato in particolare ai vasi sanguigni, assume la direzione dell’Istituto di Anatomia l’anno dopo la morte del Lombardini, nel 1898, e la mantiene fino al 1903, anno in cui inizia a dedicarsi alla chirurgia. A lui subentra Ugo Barpi (1903‐1925) proveniente dalla Scuola di Medicina Veterinaria di Napoli. Solo nel 1934 il Museo Anatomico trova la sua collocazione definitiva con la nascita della Facoltà di Medicina Veterinaria.

 

Il Museo accoglie specie animali domestiche da produzione zootecnica e da affezione. Al suo interno è presente un cospicuo numero di preparati anatomici riguardanti i dromedari provenienti dalla tenuta di San Rossore e una collezione di teratologia. Il cavallo è la specie più rappresentata per la sua importanza nell’evoluzione storico‐sociale dell’uomo.

 


Brochure del Museo   (Italiano


Contatti:

Responsabile scientifico del Museo - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Dipartimento di Scienze Veterinarie (Università di Pisa)

Referente per le visite guidate - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. - Tel. 0502216856


 

News ed Eventi

  • Censimento cervo al bramito 2017
    Siamo ad inviarvi in allegato la lettera d'invito al prossimo censimento del cervo al bramito (più locandina e brochure dell'evento) da parte della Direzione del Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna, con preghiera di massima diffusione tra…
  • FIT Filiera Ippica Toscana, Prof. Francesco Camillo nominato nuovo Presidente
    Ho il piacere di comunicare che il Consiglio Direttivo della Filiera Ippica Toscana riunito stamani a San Rossore ha provveduto alla nomina degli organi sociali ed ha nominato alla presidenza il Prof. Francesco Camillo, rappresentante di codesto Dipartimento. Sottolineo che…
  • VIII Convegno Nazionale della Ricerca nei Parchi
    Cari Amici e Colleghi,siamo lieti di annunciare che l’VIII Convegno Nazionale della Ricerca nei Parchi - Conoscere per proteggere, organizzato dal Settore Ricerca e Conservazione, si terrà dal 28 settembre all’1 ottobre 2017 al Parco Natura Viva di Bussolengo (VR).Nell’ambito…
  • Borsa di studio Risparmio per i suoi studenti
    Con la “borsa di studio Risparmio”, si cercano studenti parsimoniosi, che riescono a gestire perfettamente la loro vita anche con pochi soldi. Le 3 borse di studio comprendono una promozione mensile di 300 € per un anno intero: https://www.signorsconto.it/borsa-di-studio Ulteriori…